Quattro forme d’intelligenza per dirigere la nostra vita

Riflessioni sulla lecture di Bruce Alan Wallace (Londra, 2 Giugno 2019)

SVILUPPARE  4  MODALITA’  di  INTELLIGENZA per ottenere ottima  SALUTE MENTALE  ed  EQUILIBRIO

Riprendendo il tema della conferenza di A. Wallace, mi domando perché mai dovremmo sviluppare queste 4 modalità di intelligenza e dove ci porta simile percorso. A mio avviso ritengo che lo scopo ultimo sia quello di arrivare a sperimentare la MINDFULNESS cioè la COSCIENZA SENZA PENSIERI – IN PERFETTO EQUILIBRIO – IN ARMONIA ESSENZA PURA  

Normalmente la Coscienza dell’Uomo  è in uno STATO  di  DISTRAZIONE MENTALE in genere la MENTE può arrivare a 2 estremi, andare  IN APATIA non attenta, cade nel vuoto, è soporosa oppure IN AGITAZIONE in eccesso di eccitazione -troppi pensieri caotici.

Per arrivare al perfetto equilibrio – STATO MENTALE SERENO – occorre quindi sviluppare diversi aspetti dell’intelligenza che secondo Wallace possiamo distinguere in 4   MODALITA’   DI   INTELLIGENZA.

INTELLIGENZA VOLITIVA – CONATIVE INTELLIGENCE

Abilità di volere – permette di capire che abbiamo 1- DESIDERI 2- ASPIRAZIONI    3- VALORI    4- INTENZIONI.  
Sviluppando INTELLIGENZA VOLITIVA impariamo a prendere SAGGE DECISIONI se esercitiamo la VOLONTA’ per ottenere un determinato scopo entro un determinato ARCO DI TEMPO.

INTELLIGENZA ATTENTIVA – ATTENTIONAL INTELLIGENCE

Abilità di focalizzare la nostra attenzione con calma e chiarezza.  Genera “azioni performanti” in ogni campo cioè si ottengono risultati eccellenti.  

INTELLIGENZA COGNITIVA – COGNITIVE INTELLIGENCE

Abilità di “discernere” cioè vedere la realtà come essa È senza proiezioni senza illusioni né confusioni.
La riflessione unita al dubbio ed alla volontà permette di affrontare quelle parti della nostra mente che sono FISSE – statiche e al di fuori del nostro controllo, che ci fanno vivere nel passato o nel futuro.

INTELLIGENZA EMOZIONALE – EMOTIONAL INTELLIGENCE

Abilità di portare maggiore (più approfondita) consapevolezza [AWARENESS ] sulle nostre EMOZIONI – su ciò che le stimola – TRIGGER – con l’INTENTO di mantenere calma interiore / esteriore un cuore aperto verso qualsiasi vicissitudine la Vita ci presenti.

Per fare ciò necessitano tre passaggi

1° PASSO consiste nello STARE CON CIO’ CHE EMERGE per arrivare a capire qual è l’emozione presente.

2° PASSO consiste nel CONTENERE tale energia senza venirne travolti mantenendo l’attenzione “vigile”.

3° PASSO consiste nel portare al CUORE l’emozione presente e trasformarla.

Il CUORE TRASFORMA la frequenza da negativa in positiva, cioè alza la frequenza bassa verso l’alto avendo una quantità di energia superiore a qualsiasi altro organo presente nel corpo umano; infatti è attraversato da 4 meridiani mentre tutti gli altri organi solo da due (compreso il cervello)

È solo in questo modo che noi possiamo EVOLVERE DOMINANDO LE EMOZIONI / PULSIONI CHE EMERGONO DALLE NOSTRE PARTI FERITE.

NEL FARE CIO’ OTTENIAMO UN’OTTIMA SALUTE MENTALE + FISICA e il corpo materiale torna ad essere LIBERO dal DOLORE che lo fa invecchiare.

C’E’ UNA SEQUENZA PRECISA DI UTILIZZO DELLE  4 MODALITA’ DI INTELLIGENZA?                       

A mio avviso è importante iniziare a coltivare una STABILITA’ D’ATTENZIONE

Partiamo dall’accettazione che la FERITA PRIMORDIALE determina un offuscamento della nostra PERCEZIONE che viene limitata, che distorce la REALTA’. Per raggiungere questa meta occorre essere ben radicati con la madre TERRA.

Quale secondo passo è importante avere  CHIAREZZA sull’EMOZIONE che si sta provando nel momento. Purtroppo, veniamo da un periodo sociale di alto sviluppo tecnologico che allo stesso tempo ci ha resi “analfabeti emotivi”, non più capaci di essere a contatto con quanto “vive” il nostro corpo fisico, non più capaci di distinguere i segnali che ci manda. Per raggiungere questa chiarezza occorre molta calma e confidenza.  ACQUE tranquille e trasparenti per vedere la REALTA’.

Un ulteriore passo sarà quello di utilizzare l’INTELLIGENZA DISCRIMINANTE per capire la lezione che abbiamo di fronte a noi; una volta interpretato quanto sta avvenendo avremo molta più energia a disposizione per creare tutto ciò che vogliamo. FUOCO magnetico per dissolvere le nebbie della consapevolezza addormentata.

Ed infine utilizzare l’INTELLIGENZA VOLITIVA per rispondere in modo appropriato allo stimolo esterno senza andare in reazione, anzi avendo appreso dallo stimolo stesso la lezione spirituale che si presentava, avendo capito che l’emozione emersa è connessa con un preciso convincimento che ci portiamo dentro iniziato con la FERITA e che non rappresenta la nostra VERA ESSENZA. Utilizziamo l’ARIA, un vento che spazza la nebbia interiore, unita ad una flessibilità nel cambiare quanto pensiamo di noi stessi.

L’ultimo passo di questo percorso dello Spirito Incarnato consiste: nell’imparare a disidentificarsi da questo pensiero limitante che ci portiamo dentro, quindi soprattutto nel ricentrarci nella nostra VERA IDENTITA’ SPIRITUALE, e infine nel bilanciare la REALTA’ INTERIORE con LA REALTA’ ESTERIORE.

CONSISTE NEL RICONOSCERE LA NOSTRA ESSENZA DIVINA

Possiamo raggiungere questo stadio passando attraversando il VUOTO interiore che circonda la nostra ESSENZA DIVINA.                                                   

Solo così diventiamo veri TRASFORMATORI di ENERGIE INTERIORI.

Solo in questo modo avremo capito la LEZIONE SPIRITUALE cioè lo SCOPO della nostra VITA ed avremo dato piena attuazione al PIANO DIVINO che ci fa evolvere verso una condizione di BENESSERE e AUTENTICA FELICITA’.