Teoria psicosomatica sull’origine del carattere

L’idea di una visione unitaria dell’Uomo e di una precisa relazione psicosomatica riguardo al suo CARATTERE si deve a W. Reich, 1897-1957,  allievo di Freud che dopo un primo periodo di stretta adesione ai principi della psicoanalisi, sviluppò la tecnica dell’ ANALISI  DEL CARATTERE  [Analisi del carattere – SugarCo, Milano 1973 ] metodo che divenne suo strumento primario di intervento terapeutico sulla psiche. 

Egli affermò in pratica che gli aspetti del carattere sono una diretta difesa contro impulsi rimossi dalla coscienza ( in quanto dolorosi ) e producono la manifestazione di una corazza sia psichica che fisica.

Sempre secondo Reich la scoperta e relativa rimozione dei “blocchi psichici” poteva essere facilitata dalla eliminazione dei “blocchi fisici”, poiché alla corazza psico- caratteriale corrisponde una corazza somatica, da qui l’introduzione di specifici esercizi fisici per liberarsene durante una seduta psico-terapeutica.

Dal mio punto di vista con tali studi Reich si pose come precursore di una terapia   che desse spazio sia al linguaggio verbale che a quello fisico, e iniziò a darci una spiegazione sull’origine del carattere quale barriera di difesa dal dolore. 

Quando l’esperienza dolorosa viene rimossa nell’inconscio, a livello della psiche rimane questo dolore che si manifesta nel corpo come corazza fisica, espressione  del  blocco energetico che viene memorizzato nei muscoli e che modella il corpo stesso. 

E’ interessante notare che negli anni questa corazza di difesa manifesta dei comportamenti ripetitivi nella persona che diventano evidenti con una certa osservazione. Questi atteggiamenti danno luogo alla Personalità così come la definiamo oggi: ha un carattere introverso… è un irascibile… è un timido.

Tali segnali ci indicano che in qualche modo questa ferita interna della psiche vorrebbe essere guarita ed avvisano la Coscienza della sua presenza; iniziando il percorso interiore andiamo alla ricerca di questi “messaggi” che è importante saper interpretare per riuscire nella guarigione. 

Questo percorso di Auto-Guarigione è possibile per le Persone che credono che il carattere si può cambiare , che lasciano andare il vecchio detto “il carattere non si cambia” per evolvere verso una condizione interiore di maggiore coerenza.

Se diventiamo “curiosi” dei nostri stessi comportamenti e ne notiamo la ripetizione, vuol dire che siamo sulla strada giusta  per scoprire quale sottinteso vero bisogno  nascondiamo alla Coscienza, e prendendone consapevolezza, possiamo alla fine liberare il corpo dal peso che trattiene: ci ritroveremo sicuramente più felici e più giovani!